Chi Sono

Ci presentiamo!


Dici8maggio nasce da Sara e dalle sue mitiche borse doubleface. Dopo alcuni anni come colleghe in un’azienda turistica, nel 2019 si è aggiunta Camilla e la collaborazione ha fatto nascere la linea sartoriale.

SARA: Sono un mix dei miei genitori:


  • Spirito imprenditoriale e anima da commerciante me li ha trasmessi il mio papà
  • Passione per il fai da te, sete di sperimentare e incapacità di stare ferma sono tutte arrivate da mamma, ma proprio tramite cordone ombelicale credo.

Entrambi però mi hanno trasmesso la serietà e quel senso di responsibilità che mi hanno fatto fare tutti i passi necessari per poi poter arrivare a scegliere di provare a fare ciò che mi piace.

La sete di conoscenza mi ha fatto iscrivere ad un corso di cucito. Io che non sapevo neanche attaccare un bottone!

E scherzando e ridendo, ma anche arrabbiandomi per tutti i piccoli insuccessi in questo campo, sono qui, a metter su il mio piccolo mondo creativo, ad esporre le mie borse e tutto quello che la fantasia mi propone: il mio rifugio.

A volta basta poco: non sapete che bella piega può prendere una giornata iniziata male, solo grazie all’arrivo di una coloratissima scatola di bottoni o solo perché non si vede l’ora di provare una stoffa nuova appena comprata!

CAMILLA: la passione per il Giappone mi ha fatto scoprire il cucito


Sono approdata qui dopo uno strano viaggio e l’unione di due grandi passioni: la cultura giapponese e la manualità.

Mentre studiavo all’università ho cominciato a fare cosplay, ovvero l’hobby di vestire e interpretare i panni dei personaggi di film, fumetti o videogiochi. La mia voglia di creare mi ha portata a realizzare quei costumi da sola e ho scoperto di amare profondamente il cucito e le mille possibilità creative che offriva.

Sara l’ho conosciuta presso un’azienda per cui ho lavorato qualche anno. Un giorno l’ho chiamata e le ho detto che avevo un’idea per quella collaborazione di cui avevamo parlato spesso in passato.

Il resto è storia… 🙂

Perchè dici8maggio?


SARA: Quando dovevo decidere un marchio, un nome che mi identificasse, ne ho pensati tanti: anagrammi, crasi, divertenti, seri… poi ho pensato che c’è una data che per noi è più importante di tutte le altre, alla quale devo tutto, grazie alla quale mi sento una mamma felice ed una donna realizzata, una moglie grata> anche grazie ad un marito paziente disposto ad assecondare tutte le mie pazzie ed a credere in me in ogni cosa che faccio, sono qui nel mio “negozio”.

E quindi “dici8maggio” perchè ho conosciuto lui e perchè insieme il 18 di ogni mese ci continuiamo a fare gli auguri dal 1994, con l’entusiasmo di sempre!